DESCRIZIONE

Il Principato delle Asturie si trova nel nord-ovest della Spagna, ospita i rilievi più alti della Cordigliera Cantabrica e le sue coste sono bagnate dal mar Cantabrico. Le Asturie offrono un connubio perfetto tra cultura, natura e gastronomia. La prima cosa che colpisce mentre si visita questa regione della Spagna Verde sono i paesaggi, alcuni veramente spettacolari, come il Parco Nazionale dei Picos de Europa e uno dei luoghi più mitici: i laghi di Covadonga. Oltre che della montagna, si può godere di meravigliose spiagge, senza  dimenticare la gastronomia delle Asturie, dove è vivo il culto per la buona cucina. Prodotti unici come il formaggio Cabrales, la “fabada” asturiana, una zuppa a base di fagioli e carne, il sidro (a base di mele)… sono tanti i piatti e i prodotti tipici in grado di deliziare anche i palati più sofisticati. Dal punto di vista culturale, da non perdere i monumenti di Oviedo e del Regno delle Asturie, dichiarati Parimonio dell’Umanità dall’UNESCO, come ad esempio, la Chiesa di Santa María del Naranco, quella di San Miguel de Lillo o la Chiesa di San Julián de los Padros, o i giacimenti, le grotte e i musei di arte rupestre della zona, con dipinti e incisioni spettacolari, alcune delle quali realizzate nel 25.000 a.C.

 

PROGRAMMA

Lunedì 11 giugno: Milano – Cangas de Onìs

Ritrovo all’aeroporto di Malpensa Terminal 2, alle 12.15, per imbarco sul volo Easyjet delle 14.20 per Bilbao. All’arrivo troviamo un pulmino con il quale, viaggiando sulle coste della Cantabria e del Principato delle Asturie, raggiungiamo la località Cangas de Onìs in serata. Cena e pernottamento in albergo.

Martedì 12 giugno: Cangas de Onìs – Sames – Cangas de Onìs

Con il pulmino, imboccando una strada molto bella e panoramica che attraversa piccoli villaggi, giungiamo ai Lagos de Covadonga a ca. 1000 m. di altitudine. Qui iniziamo la nostra camminata attraversando  prati verdissimi dove le mandrie pascolano libere e indisturbate. Il sentiero ci porta sempre più in alto fino a un punto con viste spettacolari verso le vallate sottostanti e la cittadina di Sames. Se le condizioni meteo e d’innevamento lo permettono,  possiamo cambiare questo itinerario, sostituendolo con un altro un po’ più impegnativo che ci porterà a un’altitudine di oltre 2000 m. nel cuore della montagna. Al rientro ci fermiamo per rifocillarci a un piccolo rifugetto e riprendendo la strada dell’andata torniamo al pulmino per rientrare a Cangas de Onìs. Durante il viaggio ci fermiamo per visitare una bellissima basilica in stile gotico, dedicata alla Madonna Protettrice di Covagonga. Tempo libero prima della cena e il pernottamento che saranno nello stesso albergo della notte precedente.

Tappa facile di durata 5-6 ore e dislivello in salita di 700m.

Mercoledì 13 giugno: Cangas de Onìs – Arenas de Cabrales

Per far rilassare i muscoli della camminata di ieri e per essere pronti ad affrontare le tappe successive del trekking, oggi facciamo una breve passeggiata al mare. Arriviamo con il pulmino a una bellissima spiaggia, racchiusa da un anfiteatro di grandi rocce dalle strane e interessanti forme. Se qualcuno del gruppo vorrà dedicarsi di più al relax, potrà rimanere per godersi il mare e la sabbia della spiaggia, mentre il resto del gruppo farà una breve camminata sulla costa. Nel pomeriggio ci trasferiamo in pulmino fino alla località Arenas de Cabrales, dove un bell’albergo ci ospita per questa notte. Cena e pernottamento. Tappa facilissima. Passeggiata sulla costa del mare o spiaggia.

Giovedì 14 giugno: La tappa più impegnativa

Con il pulmino viaggiamo per pochi chilometri in un canyon che si ristringe sempre di più e la strada fa numerosi tornanti sempre più stretti e più ripidi. Giungiamo al punto di partenza della camminata, imboccando una delle vallate. All’inizio ci godiamo il verde dei pascoli alpini. Dopo circa due ore di cammino, entrando in una valle che assomiglia molto alle nostre vallate dolomitiche, il paesaggio intorno a noi inizia a diventare più aspro. Proseguendo su ghiaioni e piccole roccette  da superare, il sentiero ci porta su un altopiano racchiuso tra guglie rocciose fino al piccolo rifugio Jou de los Cabrones, dove il paesaggio severo della montagna si unisce perfettamente alla semplicità del modesto rifugio che ci ospiterà per la notte. Jorge, che è arrivato prima di noi, ci prepara la cena.

Tappa di 5-6 ore,  con dislivello in salita 1260 m.

Venerdì 15 giugno: Tappa con tanto dislivello in discesa, 1400 m. circa

Seguendo un sentiero che spesso si perde tra le rocce e tra l’erba, scendiamo a un piccolo villaggio composto da alcune case, dopo  aver fatto ca. 1400 m. di dislivello in discesa. Ancora un’oretta di cammino per arrivare al parcheggio dove ci aspetta il nostro pulmino per portarci all’albergo dell’altro ieri.

Sabato 16 giugno: Tappa facile e piacevole di circa 200 m. di dislivello in salita.

Viaggiamo in pulmino per alcuni chilometri fino a un punto dove la strada finisce nel nulla. Parcheggiamo e iniziamo a camminare in un canyon. Dopo una breve salita, il sentiero si spiana completamente e seguendo un corso d’acqua, ci conduce  in un meraviglioso percorso tra viste stupende, gallerie sotterranee e cascate. Dopo circa tre ore di cammino, giungiamo a un pittoresco villaggio di montagna formato da non più di dieci-quindici case. Ogni casa qui è un ristorante o un albergo o un negozietto che vende souvenir. Infatti, guardandoci intorno vediamo che il turismo non manca. Rientriamo sullo stesso percorso dell’andata che non è per niente ripetitivo e noioso. Le bellezze naturali viste, questa volta dalla parte opposta, sono altrettanto spettacolari. Sempre lo stesso e bellissimo albergo di ieri, ci aspetta per darci alloggio anche per questa notte.

Domenica 17 giugno: Tappa di rientro – turismo a Bilbao

Partiamo in mattinata per ritornare a Bilbao. Ci sistemiamo in un bell’albergo situato su una della colline che circondano la città. Poco dopo ci troviamo di nuovo per la visita del centro della bella città basca.

Lunedì 18 giugno: Trasferimento all’aeroporto di Bilbao per rientrare in Italia con un volo in partenza alle 16.55 e arrivo previsto a Malpensa alle 18.45.

Coordinatore: Paolo Todeschini

QUOTA DI PARTECIPAZIONE 

  • Soci Edelweiss € 1365
  •  Soci CAI € 1385,

La quota comprende:

– Viaggio in aereo Milano – Bilbao A/R in classe economy.

– Tutti i trasferimenti con pulmino al seguito come  indicato nel programma.

– Mezza pensione negli alberghi e nel rifugio.

– Polizza assicurativa per assistenza medica, recupero, ricovero in ospedale e rimpatrio.

– Accompagnamento di guida alpina e di un nostro accompagnatore

La quota non comprende: i pasti non menzionati e le bevande, quanto non espressamente indicato nel programma o nella voce “la quota comprende”.

Bagaglio: zaino per il necessario della giornata e di quanto necessario in rifugio, e sacca o borsa da viaggio che verrà trasportata con bus, di tappa in tappa.

Organizzazione: l’organizzazione logistica è effettuata dalla Planet Trek di Santa Caterina Valfurva

MODALITA’ D’ISCRIZIONE

  • Telefonando ai n°02/55191581
  • In sede il lunedì dalle 18 alle 20 o il mercoledì dalle 18 alle 22,30.
  • Per email: info@edelweisscai.it

Iscrizioni, riservate ai soli soci Edelweiss o CAI: in Sede (il lunedì dalle 18.00 alle 20.00; il mercoledì dalle 18.00 alle 22.30) o telefonando al numero 0255191581 o con e-mail info@edelweisscai.it.

L’iscrizione si riterrà confermata solo con il versamento dell’acconto di € 300 entro una settimana dall’iscrizione, anche con bonifico bancario: IBAN IT42E 055 840 1637 0000 0000 3707. In mancanza dell’acconto nei termini indicati, il nominativo sarà messo in lista d’attesa.

Il saldo della quota, oltre al prezzo del biglietto aereo, dovrà avvenire entro lunedì 7 maggio 2018 . Nello stesso giorno alle 20,45 si terrà in sede la riunione informativa alla quale tutti i partecipanti sono pregati vivamente di intervenire.

Il trekking si svolgerà con un minimo di 15 partecipanti

ATTENZIONE  ISCRIZIONI ENTRO IL 28 FEBBRAIO 2018

_____________________________________________

NOTE:

– Per l’effettuazione del viaggio è necessario avere il passaporto o la carta di identità valida per

l’espatrio.

– Per affrontare  tutte le tappe previste dal programma è richiesta media preparazione atletica.

– Per motivi tecnici e organizzativi il programma può subire variazioni

– Su richiesta sarà posibile effettuare la copertura assicurativa per l’annullamento del viaggio. Il relativo costo verrà addebitato a parte.

– Il programma potrà subire alcune variazioni nella cronologia e nella logisitca, dipendenti dalla disponibilità di camere al momento della definizione del numero dei partecipanti.

Tutti i giorni avremo del tempo a disposizione per procurare il pranzo al sacco.

________________________________________________________

La sottosezione Edelweiss declina ogni responsabilità per danni a persone o cose conseguenti a eventuali incidenti durante il trekking.

Print Friendly, PDF & Email