Sulle tracce di Felice Benuzzi

La prigionia, il sogno, l’evasione e la scalata del monte Kenya

 

Felice Benuzzi catturato nel 1943 dagli Inglesi venne deportato nel campo di prigionia di Nanyuky ai piedi del monte Kenya. Il suo sogno era di evadere e portare la bandiera Italiana in cima alla vetta. Non riuscì ad arrivare sulla cima più alta, ma si dovette fermare a Punta Lenana. Fu comunque un grande successo ed una volta ritornato con i suoi due compagni d’avventura nel campo di prigionia venne punito, ma ammirato per il suo coraggio .

(tratto dal libro “Fuga sul Kenya di Felice Benuzzi)

 

Kenya: il suo nome completo è “Kiima Kya Nyaa”, che nella forma più breve si dice “Kiinyaa”: significa “la montagna dello struzzo”, per la similitudine tra le macchie bianche e nere delle penne dell’animale e la caratteristica distribuzione dei ghiacciaio tra le rocce verticali del monte.

La sua scoperta è dovuta al missionario tedesco Johann Lodwing Krapt, presumibilmente nell’anno 1849.

La sua punta più alta, la Batian (5199 m) fu scalata per la prima volta nel 1899 da Mackinder, Ollier, Brocherel (due guide valdostane). La traversata completa delle due punte più alte, che oggi è considerata la via normale di salita, fu compiuta nel 1929 da Erik Shipton e Wyn Harris.

Il monte Kenya annovera una grande quantità di pinnacoli ai quali sono stati dati diversi nomi, che vanno dai 4700 m della Punta Midget ai 4883 m della Punta John, ai 4985 m della Punta Lenana e culmina nelle due vette più importanti: la Nelion (5188 m) e la Batian (5199 m). Questi sono i nomi dei due capi tribù Masai che abitavano alle falde del monte nel secolo scorso. La zona è ora abitata dalla tribù Kikuiu.

La temperatura della parte bassa è veramente straordinaria: nell’arco dell’anno non presenta mai periodi di intenso caldo o freddo. La formazione glaciologica della montagna fa supporre che anticamente i ghiacciai fossero molto estesi; ora sono più ridotti, ma sempre di suggestiva bellezza.

La zona bassa è interamente coperta da vegetazione che va dal canneto fitto alla foresta tropicale. Nella parte alta il senecio domina incontrastato. Una notevole quantità di bei laghetti sono disseminati in quota alla base delle morene.

PROGRAMMA

1° Giorno 21/02/2020 MILANO – NAIROBI

Partenza con voli di linea (non diretti). Arrivo e trasferimento in hotel.

2° Giorno 22/02/2020 NAIROBI – CHOGORIA GATE – MERU BANDAS (3000 m)

Partenza per raggiungere il cancello del Parco all’ingresso di Chogoria, punto dove si espleteranno le formalità d’ingresso. Il percorso sarà in foresta. Dopo la sosta pranzo si camminerà per 7 km sino al raggiungere i 3000 metri del campo serale di Meru Bandas. Circa 4 ore  di camminata. Cena e pernottamento in tenda

3° Giorno 23/02/2020 Meru Bandas-Lake Ellis (3000 m-3540 m)

Trekking fino al Lago Ellis. Dalle 3 alle 4 ore di trekking 

4° Giorno 24/02/2020 Lake Ellis-Hall Tarns-Minto Hut (3540 m- 4297 m)

Il percorso odierno prevede iniziali 8 km per raggiungere, con bellissimi scorci sulla Gorges Valley, i laghetti di Hall Tarns con la Minto Hut che è uno straordinario belvedere sul sottostante Lago Michaelson. Dalle 4 alle 5 ore di trekking

5° Giorno 25/02/2020 Minto Hut-Austrian Hut (4297 m-4800 m)

Partenza per raggiungere l’Austrian Hut, andando verso Ovest per raggiungere il pianoro conosciuto con il nome di Temple Fields. Da qui si proseguirà per raggiungere il Tooth Col e raggiungere il campo serale all’Austrian Hut contornando la Punta Lenana. Circa 3 ore di trekking

6° Giorno 26/02/2020 Austrian Hut-Point Lenana-Mackinder’s Camp-Met Station-Il giorno della vetta

Sveglia presto e partenza per la salita alla Punta Lenana (4985 m), la terza vetta per altezza del massiccio del Monte Kenya, facilmente raggiungibile dagli escursionisti allenati. Sulla vetta della Punta Lenana si fisserà la gloriosa bandiera Italiana che verrà immortalata con una bella foto ricordo, come fecero i tre prigionieri di guerra Italiani di cui solo due erano Alpinisti, fuggiti dal campo di prigionia Inglese di Nanyuky per realizzare un sogno ritenuto impossibile.

Dopo le foto di rito avrà inizio la discesa. Percorrendo l’ampia valle di Teleki si passerà dal Mackinder’s Camp (4200 m) per poi raggiungere la Met Station che si trova a 3050 metri. Cena e pernottamento. Dalle 8 alle 9 di trekking.

7° Giorno 27/02/2020 Met Station-Naro Moru Gate-Samburu

Giunti al gate di Naro Moru si proseguirà alla riserva di Samburu dove ci aspetterà un emozionante safari pomeridiano. Dalle 3 alle 4 ore di trekking. Pensione completa

8° Giorno 28/02/2020  Samburu-Nyeri-Nairobi

La mattina presto nuovo safari. Nella tarda mattinata partenza per la visita di alcuni villaggi.

Proseguimento per l’aeroporto di Nairobi. Se avremo tempo, in considerazione del traffico e delle condizioni della strada, visiteremo la Karen Blixen House. In serata partenza con volo di rientro.

9° Giorno 29/02/2020  Nairobi – Milano

Arrivo in Italia

Organizzazione tecnica e logistica a cura di Overland.

 Coordinatore: Paolo Todeschini

QUOTA DI PARTECIPAZIONE

 Soci Edelweiss, € 2.000 ,

Soci CAI, € 2.020, per i servizi a terra in Kenia.

Il volo ad oggi costa 800€, – prezzo da confermare al momento dell’effettiva prenotazione.

La quota di partecipazione comprende:

Trasferimenti da e per l’aeroporto in Kenia-trasferimenti per e dal cancello del Parco – sistemazione indicata,in camere doppie – trekking al Monte Kenia, Punta Lenana: guida e staff locale parlante inglese, pensione completa – materiale comune da campo, materassini, tende doppie – safari nella riserva di Samburu – visite indicate – pasti indicati – assicurazione medico/bagaglio.

La quota di partecipazione non comprende:

Eventuali early check in o late check out a meno che diversamente indicato – supplemento per camera singola – assicurazione facoltativa annullamento: pari al 4.8% del valore complessivo del viaggio – visto – mance, bevande, spese personali – escursioni non previste dal programma – tutto ciò che non è espressamente indicato alla voce “la quota comprende”.

Il trekking verrà effettuato con un minimo di 6 partecipanti. I partecipanti sono tenuti ad essere iscritti al CAI.

L’itinerario potrà subire variazioni in base alle condizioni atmosferiche e all’andamento del gruppo. Se a causa di ritardi e scioperi dei voli, frane, cattive condizioni meteo o altri fattori indipendenti dall’Organizzazione si rendesse necessario un prolungamento del viaggio, le spese addizionali saranno a carico dei partecipanti.

ISCRIZIONI

riservata ai soci Edelweiss o CAI, entro il 20 Gennaio 2020, previo versamento di un acconto di € 600, oltre al costo del biglietto aereo. Saldo entro il 5 Febbraio 2020.

Fino a 21 giorni prima della partenza potrebbe essere richiesto adeguamento valutario per oscillazioni cambio $/€ – Cambio utilizzato: 1€ = 1.13 us$

L’iscrizione può avvenire: via mail a info@edelweisscai.it, in sede il lunedì dalle 18 alle 20 e il mercoledì dalle 18 alle 22:30 o telefonando allo 0255191581. Il pagamento dell’acconto e del saldo può avvenire: in sede o con bonifico bancario (IBAN IT 26S 050 340 1755 0000 0000 3707).

Riunione informativa, alla quale tutti i partecipanti sono vivamente pregati di intervenire, in data da definire.   Durante la riunione verrà distribuito il materiale informativo.

La sottosezione Edelweiss declina ogni responsabilità per danni a persone o cose conseguenti a eventuali incidenti durante il trekking.

 Penali di cancellazione

Fino a 30 giorni lavorativi prima della partenza: 20% della quota di partecipazione

Da 29 a 18 giorni lavorativi prima della partenza: 30% della quota di partecipazione

Da 17 a 11 giorni lavorativi prima della partenza: 50% della quota di partecipazione

Da 10 a 8 giorni lavorativi prima della partenza: 75% della quota di partecipazione

Oltre tale termine: 100% della quota di partecipazione

Documenti

Passaporto, con validità residua di almeno sei mesi al momento della richiesta del visto.

Per entrare in Kenya il passaporto deve avere almeno un’intera pagina bianca, al fine di poter apporre il visto d’ingresso. In caso contrario, i viaggiatori potrebbero non essere accettati nel Paese e fatti rientrare in Italia con il primo volo utile.

Visto d’ingresso: valevole per un unico viaggio (single journey visa, 25 USD o 20 EURO); ATTENZIONE Le Autorità keniote hanno introdotto dal 1° settembre 2015 una procedura online per dotarsi di visto elettronico. E’ auspicabile seguire tale procedura, accessibile all’indirizzo: http://evisa.go.ke/evisa.html   (esclusivamente in lingua inglese). In ogni caso, per ulteriori informazioni si consiglia vivamente di rivolgersi all’Ambasciata del Kenya a Roma, competente per il rilascio del Visto d’ingresso.  Formalità valutarie e doganali: i turisti possono importare liberamente valuta straniera sino ad un massimo di 5.000 $ USA. La valuta va cambiata solo presso uffici autorizzati (banche, alberghi e uffici cambio).

 

 

Print Friendly, PDF & Email