Lunghezza Km. 52 km ca  –  pista ciclabile, sterrati, sentieri  

 dislivello  m. 120 ca  – difficoltà MC – Ore 3,30 ore ca

Il Trebbia quando raggiunge la pianura, diminuisce la velocità e lascia un ampio greto di ciotoli ghiaie e sabbie, perde anche un po’ della sua acqua perché a Rivergaro da sempre si diramano molti canali che vanno a irrigare la pianura piacentina.

Fra i cespugli e nei boschetti lungo il fiume nidificano diversi tipi di uccelli tra cui il corriere piccolo e l’occhione che è diventato il simbolo del parco.

La ciclovia è inserita, con altri sentieri di visita, nel Parco fluviale del Trebbia nato nel 2009 con una superficie 2611 ettari, che comprende i comuni di Rivergaro, Gazzola, Gragnano T., Gossolengo, Piacenza, Rottofreno e Calendasco.

Il percorso parte da Piacenza e risale la sponda idrografica destra del fiume fino a Rivergaro e poi ritorna sulla sponda opposta con una deviazione al castello di Rivalta.
Da Rivergaro si tornerà a Piacenza seguendo la ciclabile già percorsa all’andata.

Tipo di bicicletta:      MTB

RITROVO :       ore 10,15 ritrovo alla stazione Ferroviaria di Piacenza raggiungibile con

  • Auto
  • Treno reg. 20407 Milano Greco Pirelli  8:40 – Milano Lambrate 8:46 – Milano Rogoredo 8:58  Arrivo a Piacenza 9:51
  • Treno TI 2275 Milano Centrale 9:20 – Milano Lambrate 9:27 – Milano Rogoredo 9:32   Arrivo a Piacenza 10:12

QUOTA DI PARTECIPAZIONE:             Euro    6,00   SOCI EDELWEISS

:                     Euro      8,00   SOCI CAI

La quota comprende:    assicurazione**, cartina, spese di organizzazione

Documenti: C.I. + tessera sanitaria + tessera EDW e/o CAI

ISCRIZIONE: via email a info@edelweisscai.it  o telefonando allo 0255191581 negli orari di segreteria

Si rammenta che per partecipare alle ns iniziative è necessario essere soci Edelweiss e/o CAI.

***Attenzione: l’assicurazione copre solo gli infortuni che dovessero occorrere durante l’effettuazione degli itinerari in bicicletta

Ogni partecipante dovrà essere munito di 1 camera d’aria + il necessario per la riparazione delle forature

Si consiglia di portare una giacca antivento e antipiogga e luci anteriori e posteriori da utilizzare in caso di necessità

E’ OBBLIGATORIO L’USO DEL CASCO

“Per la spiegazione della scala delle difficoltà vedi http://www.cicloturismoitaliano.it/classificazione-percorsi-mtb.html

Print Friendly, PDF & Email