Giovedì 18 giugno 2015, ore 20.45 in sede Edelweiss, serata di solidarietà finalizzata alla raccolta fondi per
i terremotati del Nepal, con l’intervento della nostra socia Daniela Pulvirenti, autrice della guida 

“NEPAL-BHUTAN: piccoli mondi himalayani da scoprire in punta di piedi”

N.B. Il ricavato della serata verrà devoluto alla sottoscrizione indetta dal CAI centrale

Daniela ci racconterà di una realtà e un popolo oggi messi a dura prova dai recenti tragici eventi, e che per lungo tempo saranno bisognosi di aiuto per sopravvivere e ricostruire.

Seguirà il filmato “Everest prima del disastro” (ca. 30′)  e un “drink”  finale, gradite le vostre torte!

________________

Il Nepal: un piccolo regno al centro della catena himalayana che ospita otto dei quattordici “8000” della Terra. La varietà dei paesaggi, con l’alternarsi di picchi maestosi e morbide colline terrazzate, unita alla cordialità della popolazione, fa del Nepal il paradiso del trekking. E non è un paradiso perduto.
Il Paese offre moltissimo anche a chi non risente il richiamo della montagna, a partire dalla sua capitale Kathmandu, un affascinante crogiolo di razze e tradizioni da scoprire nei suoi coloratissimi bazaar, nelle viuzze del centro, nei numerosissimi templi disseminati in ogni angolo della città. Dagli affascinanti dintorni: Pokhara, Bhaktapur, Gorkha, Nagarkot, Kirtipur per non parlare poi dei luoghi religiosi di Patan, Pashupatinath, Swayambhunath, Bodnath. Ma anche area di intatta wilderness protette in Parchi Nazionali: dalle nevi e dai ghiacciai del Sagarmata – il parco più alto del mondo – alla giungla del Terai. Nessun’altra nazione al mondo – unitamente al vicino Bhutan – possiede la varietà del Regno del Nepal; un regno in bilico fra la spiritualità e la modernità, un regno in cerca di fiducia per il futuro, un regno dove appena vi si giunge si viene accolti con il più intenso dei saluti, “Namaste”. E cosa c’è di più bello di un “saluto il dio che c’è in te” – perché questo è il suo significato. Il Nepal, ma anche il Bhutan, ci può insegnare tanto. Un viaggio nel loro mondo ci farà sicuramente riflettere e ritornare migliori. Ci farà apprezzare anche l’arte di avere pazienza, un’arte che noi abbiamo dimenticato, e ci farà ricordare che dobbiamo sorridere e avere fiducia nel futuro, perché – come nelle danze butanesi – il male verrà sconfitto ed il bene prevarrà. Si è cercato in questo libro di raccontare nel modo più semplice questi due piccoli regni himalayani, sperando di aver stuzzicato la voglia di partire, la curiosità di viaggiatore attento, non di turista.
La guida è ricca di cartine molto dettagliate con l’indicazione precisa degli itinerari trattati nonché alcuni dei principali trekking: il Santuario dell’Annapurna, il Langtang, il Khumbu, il Kanchendzonga, il Dolpo, il lago Rara, il Mustang, il Lamosangu e l’Everest.

Print Friendly, PDF & Email