DESCRIZIONE

La Garfagnana è posizionata nell’alta valle del fiume Serchio nella parte settentrionale della Toscana. E’ racchiusa tra due imponenti catene montuose: ad ovest le cime delle Alpi Apuane e ad est la catena appenninica che fa da spartiacque con l’Emilia Romagna. Nel mezzo l’ampia valle del Serchio con i borghi arroccati, i campi coltivati e i boschi.

Noi ne percorreremo in 5 tappe il dolce versante Appenninico facendo una lunga traversata che parte da Piazza al Serchio e arriva a Castelnuovo di Garfagnana, all’interno del parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano. Cammineremo in gran parte su percorsi di crinale, in ambienti di praterie di alta quota accompagnati da bellissimi panorami, raggiungeremo il laghetto di origine glaciale della Bargetana e saliremo il Monte Prado, la vetta più alta della Toscana con i suoi 2054 m., conosceremo infine piccoli borghi e potremo osservare gli aspetti della civiltà contadina di un tempo.

Saremo accompagnati lungo tutto il trek da Guida Ambientale di Walden che oltre a guidarci ci farà apprezzare giorno per giorno le caratterisiche e le bellezze degli ambienti attraversati.  Pernotteremo in alberghetti e rifugi.

Le tappe sono di difficoltà E (escursionistica). E’ richiesto però un discreto allenamento trattandosi di trekking itinerante e, quindi, con la necessità di portare lo zaino contenente tutto l’abbigliamento necessario per il trek.

Coordinatore:  Franco De Boni

PROGRAMMA

Mercoledì  12 settembre: Viaggio fino a Piazza al Serchio – Altopiano dell’Argegna

Ritrovo ore 6,45 alla Stazione Centrale piano treni, partenza treno ore 7,15 – arrivo a Piazza al Serchio ore 11,33. Incontro con la Guida ed inizio del trek.

Con percorso facile in mezzo a boschi e coltivi, toccando diversi villaggi si raggiunge Giuncugnano (834 m) e l’altopiano dell’Argegna da cui si ammira uno dei più bei panorami della Garfagnana.

Pernottamento e cena all’Ostello Casa del Pellegrino (1032 m), adiacente al Santuario della Madonna della Guardia, immerso in un ambiente di praterie e pinete.

Tempo di percorrenza ore 5 – dislivello salita 800 m, discesa 250 m. 

Giovedì 13 settembre: Altopiano dell’Argegna – Passo di Pradarena

Proseguendo verso nord si raggiunge il M. Tre Potenze (1232 m) dove inizia il crinale spartiacque tosco-emiliano. Camminando sempre sul crinale si sale al M.Tondo (1782 m), indi piegando verso est si raggiunge in un continuo saliscendi il M. Scalocchi (1728 m) e il M. Ischia (1732 m). In questo tratto la vista si estende sull’Emilia verso nord, mentre  verso sud-ovest spazia sulle vicine Apuane e sul golfo di La Spezia.

Proseguendo si scende al passo di Cavorsella per giungere poco dopo al Passo di Pradarena (1575 m) dove transita la strada che collega la Garfagnana con Reggio Emilia.

Cena e pernottamento presso il rifugio Carpe Diem.

Tempo di percorrenza ore 6 – dislivello salita circa 1050 m, discesa 500 m

Venerdì 14 settembre: Passo di Pradarena – Rifugio Bargetana

Anche questa tappa prosegue in gran parte su crinale e si mantiene costantemente sopra i 1600 m di quota raggiungendo in successione il M. Soraggio (1832 m), il M. Le Porraie (1835 m). Subito dopo il M. Ravaianda (1761 m) si incontra La Forcella da dove si scende sul versante emiliano per raggiungere il Rifugio Bargetana (1731 m) per la cena e il pernottamento.

Tempo di percorrenza ore 4 – dislivello salita 500 m, discesa 300 m

Sabato 15 settembre: Rifugio Bargetana – S. Pellegrino in Alpe

Dal rifugio si sale in vetta al M. Prado (2054 m), la cima più alta della Toscana, passando per il grazioso laghetto glaciale della Bargetana. L’elevata cima consente di ammirare un panorama grandioso: l’ampia vallata dell’Abetina Reale, le infinite distese di praterie, ma anche, con un po’ di fortuna, i mufloni al pascolo o il volteggio dell’aquila reale. Il cammino prosegue sempre su crinale toccando il M. Vecchio (1983 m), il M. Cella (1942 m) fino a raggiungere il Passo Bocca di Massa (1815 m), il Passo delle Forbici (1575 m) ed infine il Passo del Giovarello (1662 m), poi ancora l’Alpicella delle Radici (1682 m) e il Passo delle Radici (1529 m), dove incontriamo la strada statale che collega la Garfagnana con Modena. Si prosegue in discesa per Villa Bianchi (1454 m) e il Pradaccio fino a raggiungere S.Pellegrino in Alpe (1524 m) considerato il borgo più alto dell’Appennino Centro-Settentrionale, posto a presidio dell’antica via che fin dal Medioevo collegava la Pianura Padana alla Toscana. L’Hospitale, dedicato a S.Pellegrino eremita di origini ignote, accoglieva viandanti, pellegrini, mercanti e soldati di ventura che transitavano in questi luoghi impervi. Oggi come allora il piccolo paese offre accoglienza e ristoro ai nuovi viaggiatori e turisti.

Pernotteremo presso l’Albergo Alpino in bellissima posizione panoramica.

Tempo di percorrenza ore 7 – dislivello salita 750 m, discesa 950 m

Domenica 16 settembre: S. Pellegrino in Alpe – Castelnuovo di Garfagnana

Da S.Pellegrino in Alpe il sentiero scende per prati, quindi diventa una stradina che toccando casolari isolati, raggiunge il borgo di Valbona (672 m). Da qui per mulattiera si raggiunge Castiglione di Garfagnana (545 m), splendido esempio di borgo medioevale ancora racchiuso dalle mura originali: merita una visita all’interno della fortificazione e alle strette viuzze del centro storico. Poi ancora per prati e per coltivi si raggiunge il Marcione e superato il torrente di Castiglione si risale  a Pieve di Fosciana (370 m). Continuando su strada normale in breve si raggiunge Castelnuovo di Garfagnana (270 m) dove termina il nostro trek.

Tempo di percorrenza ore 6 – dislivello discesa 1300 m.

A seconda dell’ora di arrivo a Castelnuovo, si potranno prendere treni diversi per Milano:

  • Ore 15,16 arrivo 19,45
  • Ore 17,23 arrivo 21,34
  • Ore 19,19 arrivo 23,20

Quota di partecipazione

 Soci Edelweiss € 440
 Soci CAI € 460   

Il trekking si effettuerà con un numero minimo di 8 partecipanti

La quota comprende: viaggio in treno Milano – Piazza al Serchio e ritorno da Castelnuovo di Garfagnana, 3 mezze pensioni negli alberghetti e rifugi previsti in programma e 1 pernottamento con 1° colazione all’albergo Carpe Diem, l’assicurazione infortuni; il costo della guida ambientale Walden,  l’accompagnatore Edelweiss e le spese di organizzazione.   

La quota non comprende: la cena presso l’albergo ristorante Carpe Diem, le bevande, i biglietti di ingresso a eventuali siti turistici, tasse di soggiorno dove eventualmente previste. Tutto quanto non indicato alla voce “La quota comprende”.

Iscrizioni 

riservate ai soli soci Edelweiss o CAI: in Sede (il lunedì dalle 18.00 alle 20.00; il mercoledì dalle 18.00 alle 22.30) o telefonando al numero 0255191581 o con e-mail info@edelweisscai.it. L’iscrizione si riterrà confermata solo con il versamento dell’acconto di € 150 entro una settimana dall’iscrizione, anche con bonifico bancario: IBAN IT42E 055 840 1637 0000 0000 3707.

Il saldo della quota dovrà avvenire entro lunedì 23 luglio. Nello stesso giorno, alle ore 20.45, si terrà in sede la riunione informativa alla quale tutti i partecipanti sono pregati vivamente di partecipare.

– Documenti necessari: Carta identità, tessera sanitaria, tessera Edelweiss e/o CAI.

– Per motivi tecnici o organizzativi il programma potrà subire delle variazioni.

La sottosezione Edelweiss declina ogni responsabilità per danni a persone o cose conseguenti a eventuali incidenti durante il trekking.

 

Print Friendly, PDF & Email